i viaggi di mamma e papà

Peloponneso on the road!

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Il Peloponneso, come tutta la Grecia continentale, è ben lontano dalle gettonatissime isole del paese. Si tratta di una penisola staccata artificialmente dal canale di Corinto, un territorio diverso, più autentico, dove è possibile fare un tuffo nel passato, ammirando eccezionali resti archeologici , e perdersi nel bellissimo paesaggio che vi conquisterà con la sua varietà: mare cristallino, impervi e montagnosi interni, splendide vallate.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Tre le “dita”da percorrere, ognuna con il suo fascino e con il suo tipico territorio; tutti così diversi tra loro, ma tutti così meravigliosi.

Iniziamo allora il nostro viaggio attraverso il 1° dito, quello più occidentale, che si affaccia sul Mar Jonio. La regione si chiama Missinia.

Da non perdere:

Methoni

Deliziosa cittadina di mare, situata nella parte più meridionale del primo dito del Peloponneso.

In passato fu una delle principali basi navali della Repubblica di Venezia e la sua fortezza, per via della posizione strategia,  fu tenuta in grande considerazione e nominata Venetiarum ocellae (“occhi di Venezia”).

La fortezza si può visitare gratis fino alle 15:00.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Dove dormire:

  • Hotel Giota, proprio nella piazza principale
  • Hotel Albatros, nella strada di ingresso del paese, altrettanto comodo ma più economico.

Dove mangiare:

  • Taverna Klimataria, con grazioso giardino interno, molto caratteristico.
  • Nonda’s, locale rustico, autentico, frequentato per lo più dai locali. La specialità sono i souvlaki (tipici spiedini greci), che non vi deluderanno.

 Voidokilia beach

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Con la sua caratteristica forma a mezzaluna, è una delle spiagge più belle e più famose del Peloponneso e della Costa Navarino, lungo la quale si trova.

Il paesaggio che la circonda, poi, è altrettanto affascinante; le sue acque cristalline e la sua sabbia fine e bianchissima sono separate dalla laguna di Gialova attraverso alcune dune.

Se andate con i bambini tenete da conto che non la spiaggia non è attrezzata.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Sopra la spiaggia, si trovano le Grotte di Nestore, e ancora più su i resti  del castello della vecchia Pylos. Noi siamo saliti a piedi fino alle grotte; la passeggiata è facile.

Isola della Sapienza

L’isola si trova proprio di fronte a Methoni. Alcune banche vi accompagneranno sull’isola, con rientro all’ora di pranzo. Il costo orientativo di 15 € a persona.

Il nome deriva dallo scontro navale che ci fu, nel 1354, tra le repubbliche marinare di Genova e Venezia, noto come Battaglia di Sapienza.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Lasciata Methoni – ottima base per visitare la regione – ci dirigiamo alla volta del 2° dito, il Mani, nella penisola della Laconia, dove gli abitanti, forgiati dal sole e dalle rocce, sono i più duri ed autentici di tutta la Grecia.

Lungo la strada il paesaggio intorno a noi cambia lentamente, passando da panorami verdi e lussureggianti, a rocce infuocate, a picco sul mare blu, a terreni aridi, deserti, che sembrano quasi inospitali. In alcuni tratti, non ci sarete altro che voi. Eppure, nel Mani, abbiamo lasciato il cuore…questa sua apparenza così arida, si rivelerà più accogliente che mai.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Da non perdere:

 Kardamily

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Situata nella parte iniziale del Mani, Kardamily gode di paesaggi lussureggianti ed accoglienti. E’ un delizioso villaggio marittimo, ricco di ulivi e cipressi, casette in pietra, golfi, baie, che ne fanno, dicono, la Nuova Costa Azzurra.

Qui abbiamo dormito presso Lela’s room: posizione meravigliosa, con una vista magica.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Prossima tappa, il sud del Mani, in direzione di Gerolimenas, dove passeremo la notte.

Prima di arrivare, però, ci fermiamo diverse volte: il paesaggio che ci circonda ci incanta e non possiamo fare a meno di tuffarci nelle acque blu delle numerose calette che troviamo lungo la strada.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Non essendo il Peloponneso preso da assalto come le isole, è possibile fermarsi senza problemi dove si vuole. Non c’è traffico e non c’è alcuna difficoltà di parcheggio. Le spiagge non sono quasi mai super affollate.

Limeni

Tra le tante calette, questa merita senz’altro una visita. Tra le sue coste sorge questo delizioso borgo, affacciato sul mare verde e cristallino, dove si mangia – dicono- uno dei pesci più buoni del paese!

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Grotte di Dirou

Con i loro magnifici colori, sono considerate tra le grotte più affascinati del mondo. Si visitano con una barchina, in un giro della durata di circa 25 minuti ( ingresso 12 € a persona – chiusura alle 18).

A poca distanza dalle Grotte, si trova la Baia di Mezapos, bellissima.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Gerolimenas

Piccolo villaggio di pescatori, famoso soprattutto per i suoi polipi, lasciati asciugare all’aria.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Questo è il bello di visitare il Mani: scoprire mini villaggi, come Gerolimenasm, custoditi all’interno di calette, che sembrano essere rimasti indietro nel tempo.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Vathia

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Arroccato su uno sperone roccioso, questo paesino è uno dei luoghi più autentici del Mani. Qui, infatti, potrete ammirare alcuni esempi di case in pietra, simili a tante torrette, tipiche di quest’area.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Continuando il nostro viaggio on the road, ci fermiamo tante altre volte. ,Segnaliamo, in particolare, la località di Marmari (scegliete la 2°spiaggia, non attrezzata, per scendere trovate un sentiero).

Porto Kagyo

Porto Kagyo è stata la scelta per il pranzo: tavolini sulla sabbia e insalata greca!  Se vi va, da qui potete raggiungere Capo Tenaro, la punta più meridionale del Peloponneso e dell’Europa continentale. Parcheggiate la macchina al termine della strada e raggiungete a piedi il faro. Il cammino dura circa 45 minuti; ci hanno detto che è una bella passeggiata, consigliata soprattutto nelle ore del tramonto. Noi purtroppo non abbiamo fatto in tempo 

Una volta qui, prima di ripartire, vi consigliamo una bella passeggiata lungo la montagna, seguendo il piccolo sentiero che troverete, fino a raggiungere la chiesetta di S. Nicolaus, proprio dietro il promontorio (5 min. a piedi dalla fine del porto).

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Porto Kagyo si trova nella parte più a Sud del Mani, superato il quale si passa nella zona orientale. Qui, ci fermiamo a Lagia, dove compriamo uno squisito miele locale e dove, con grande sorpresa, entriamo nella chiesa proprio sulla piazza principale. Una volta dentro rimaniamo a bocca aperta per le sue decorazioni. Interamente dipinta, un po’ come le Meteore, è davvero bellissima. Da fuori mai avremmo pensato che l’interno potesse essere così affascinante.

Risalendo lungo il versante orientale, raggiungiamo la caletta di Alipa, località Nyfi, superata Kotronas. Passateci, se ci riuscite, perchè è un piccolo gioiellino.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

La nostra meta, però, è Gythio, dove pernottiamo al Saga Hotel, proprio sul lungomare, quasi alla fine, vicino al faro. Questa sosta è servita solo come base per raggiungere, il giorno successivo, l’isola di Elafonissos (imbarco a Neapoli, 12 minuti di traversata, 12€ con la macchina).

Isola di Elafonissos

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Con una superficie di appena 19 km quadrati è una vera meraviglia. Pensate che divenne isola a seguito del terremoto del 375; oggi, dista appena 300 m dal Peloponneso.

Il suo nome, in greco, significa isola dei cervi.  Pare, come riferisce Pausania, che lungo le sue coste, nell’antichità, era molto praticata la caccia ai cervi rossi. Inoltre, sembra che la sua forma ricordi la testa di un cervo.

Qui, abbiamo dormito all’Hotel Bordussi, decisamente più caro rispetto alle sistemazioni trovate nel Peloponneso, a differenza del quale è metà molto gettonata e turistica.

In ogni caso, se si evitano le spiagge più commerciali, si può godere di un posto favoloso. La spiaggia più famosa è Simos beach, ma poco prima di raggiungerla fate caso ad una caletta meravigliosa e soprattutto andate a Panagia beach che, a nostro avviso, è molto, ma molto, più bella e decisamente meno affollata.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Con la tappa ad Elafonissos siamo entrati ufficialmente nel 3° dito del Peloponesso.

Da non perdere:

 Monenvasia

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Dal greco Μονεμβασία: “un solo accesso”. La città fortificata era, in passato, dotata di un’unica porta d’ingresso. Oggi, è collegata alla terra ferma da una striscia di terrà lunga 400 m.

All’interno della fortezza si sviluppa la città bassa. Arroccata in cima alla rupe, e ormai abbandonata, si trova, invece, la città alta.

Strette viuzze, chiese bizantine, palazzi, cisterne sono ciò che vi aspetta una volta varcato l’ingresso. Tutto è mantenuto in buono stato, sembra un po che il tempo si sia fermato.

Ad agosto, ovviamente è piena di turisti che affollano i vicoli, ma se saprete guardare oltre, riuscirete ad apprezzare questo piccolo gioiellino.

Per dormire scegliamo Gefyra (Hotel Panorama), una cittadina sviluppatasi ai piedi di Monenvasia essenzialmente con finalità turistiche. Il vantaggio, oltre che economico e pratico, è quello di poter raggiungere Monenvasia a piedi, attraversando il ponte e facendo una piacevolissima camminata, godendo di una bellissima vista. Il tragitto è facile, ma se volete ci sono dei bus che partono, ogni mezz’ora, all’inizio del ponte (biglietto € 1,00).

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Nafplio

Nafplio è uno dei principali porti della Grecia orientale. La città conserva i resti di un passato ricco di dominazioni che vanno da quella micenea, a quella bizantina, passando per il dominio franco a quello veneziano, fino a passare anche nelle mani dei turchi.

Fu la prima capitale della Grecia indipendente fino al 1834.

La Fortezza di Palamidi (ticket € 4,00 a persona), molto bella e con una vista stupenda, è una delle principali attrazioni.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Fu costruita tra il 1687 e il 1715, durante il secondo periodo di dominio veneziano, con un’altezza di 216 metri sopra la città.

La struttura è costituita da otto bastioni circondati da mura. Durante la dominazione turca venne usata anche come prigione.

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Dove dormire:

  • Hotel Ilion, una vecchia dimora storica, molto bella, in pieno centro storico.

 Epidauro

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Impossibile arrivare ad Epidauro e non visitare il suo famosissimo teatro.

Costruito nel IV secolo a.c, originariamente era composto da 34 file di sedili alle quali i Romani ne aggiunsero altre 21, per un totale di 55. La sua capienza è 15.000 posti.

Incastonato in una splendida collina, il teatro ha un’acustica eccezionale. Fin dagli ultimi posti è possibile sentire le recitazioni in maniera perfetta, senza il supporto di amplificatori. Durante l’estate si svolge il “Festival di Epidauro” ( http://greekfestival.gr/festival/?lang=en ). Se capitate in quei giorni date un’occhiata al programma; assistere ad una rappresentazione teatrale degli antichi drammi greci in una location così esclusiva non sarebbe niente male. Noi purtroppo siamo capitati in un giorno in cui non erano previsti spettacoli 

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!
Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Epidauro è stata la nostra ultima tappa, lasciata la quale siamo ripartiti in direzione di Atene (distanza 130 km circa).

Lungo strada, ci fermiamo lungo lo Stretto di Corinto...decisamente suggestivo!

Peloponneso on the road. Paesaggi incredibili!

Si tratta di un canale artificiale lungo ben 6 km, che collega il Golfo di Corinto con il Mar Egeo.  Risale al 1800 circa e fu pensato per facilitare i navigatori ed evitare loro di dover per forza fare il giro dell’intero Peloponneso.

EnglishItalianSpanish