i nostri viaggi

L’Andalusia in tre è ancora più bella!

L'Andalusia in tre è ancora più bella!

Granada, Cordova e Siviglia.

Due aerei, due pullman e un treno; una mamma, un papà e una bimbetta di 4 mesi. Bilancio? viaggio super positivo e bellissimo. Difficoltà? nessuna così rilevante da essere menzionata.

Periodo: fine febbraio

Prima tappa: Granada

L'Andalusia in tre è ancora più bella!

Avendo trovato un volo ad un prezzo veramente irrisorio abbiamo deciso di volare da Roma su Malaga; da lì, direttamente dall’aeroporto, abbiamo preso un pullman ( https://www.alsa.com/en/web/bus/home# ) che in circa 2:40 h ci ha portato a Granada. Vi consigliamo di prenotare online i biglietti, così potrete scegliervi il posto (possibilità da non sottovalutare con un neonato. Noi per esempio abbiamo scelto quelli nelle prime file, belli comodi. Inoltre i neonati non pagano ma vi spetta comunque un posto, quindi utile per appoggiare i mille pacchi che avrete!).

Dalla stazione dei pullman di Granada abbiamo preso un taxi che in 10 minuti ci a portati nel centro città, dove avevamo il nostro albergo Hotel Monjas del Carmen, perfettamente localizzato.

Granada, al di là dell’Alhambra, come città più di tanto non ci ha colpito; ci è piaciuta ma non ci ha entusiasmato come invece hanno fatto poi Cordova e Siviglia.

In ogni caso, solo la visita dell’Alhambra merita assolutamente il viaggio.

Prima cosa da fare, una volta deciso di partire, è prenotare online la vostra visita ( http://www.alhambra-patronato.es/ ). Non arrivate lì senza biglietto perchè potreste non trovarlo e sarebbe davvero un peccato. Considerate che noi prenotando il volo a dicembre, non abbiamo trovato disponibilità per febbraio. Abbiamo dovuto chiedere aiuto all’hotel. Al momento dell’acquisto troverete diverse tipologie; noi abbiamo scelto l’Alhambra general ticket che ci ha consentito di visitare l’Alcazaba, i Palazzi Nasridi, il Generalife, il Palazzo di Carlos V, i bagni pubblici e la Moschea. Questo tipo di visita comprende anche la visita ai Giardini.

Superato il problema biglietti, per quanto riguarda l’accesso con il passeggino, tenete da conto che potrete arrivare fino al Palazzo di Carlo V. Una volta lì dovrete lasciarlo ed utilizzare il marsupio. Se non ce l’avete, nessun problema, lì ve li danno loro!

Per arrivare all’ingresso, se andate a piedi, come abbiamo fatto noi, c’è una bella, ma bella, salita da fare; altrimenti, c’è l’autobus che vi porterà diretti a destinazione.

Una volta entrati, prendetevela bella comoda…l’Alhambra è davvero stupenda e vale la pena godersela. Considerate che almeno 4 ore ci vogliono tutte.

Perdetevi tra i meravigliosi cortili, ammirate le coloratissime piastrelle che adornano le pareti e lasciatevi avvolgere dall’atmosfera di un passato islamico che vi affascinerà, lasciandovi a bocca aperta.

L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!

L’Albayzín è il quartiere più caratteristico di Granada che ancora conserva l’impianto urbanistico dei tempi dei Mori, che vi si stanziarono dopo la Reconquista: stradine, cortili, terrazze, cisterne…una vera delizia.

L'Andalusia in tre è ancora più bella!

Tutto bianco, lo noterete, senz’altro, durante la visita all’Alhambra…sorge proprio sulla collina di fronte.

L'Andalusia in tre è ancora più bella!

Passeggiando per la città, arrivate fino alla Cattedrale dell’Incarnazione, considerata la più grande espressione di chiesa rinascimentale della Spagna.

Assolutamente da non perdere è anche la Basilica de San Juan de Dios, un’esplosione d’oro, un gioiello simbolo del barocco andaluso. Dall’esterno, la sobria facciata non lascia intendere assolutamente lo spettacolo che si nasconde al suo interno!

L'Andalusia in tre è ancora più bella!

Seconda tappa: Cordova

L'Andalusia in tre è ancora più bella!

Con un pullman (sempre della compagnia ALSA) raggiungiamo Cordova, all’incirca in quasi tre ore. Il nostro albergo (Hotel Hacienda Posada de Vallina) si trova di fronte alla Mezquita, pertanto ci catapultiamo subito nel cuore di Cordova che ci appare come un vero gioiellino, tutto da scoprire.

La Mezquita ovviamente è la prima tappa. Lasciata in eredità dal periodo musulmano, è uno dei simboli della città.

L'Andalusia in tre è ancora più bella!

Grande moschea nel passato, è oggi cattedrale dell’Immacolata Concezione di Maria Santissima in Cordova. Un mix di stili da quello arabo, a quello rinascimentale, gotico ed infine barocco. Il suo interno, con le 850 colonne di marmo e granito, è meraviglioso.

Nonostante negli anni abbia subito numerosi cambiamenti, la sua struttura attuale risulta armoniosa e suggestiva, lasciando trapelare un passato perfettamente integrato con il presente.

L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!

Lasciata la Mezquita, fatevi una bella passeggiata sul ponte romano, sul fiume Guadalquivir. Costruito dai romani nel I secolo a.C., lungo 240 metri, è oggi Patrimonio dell’Umanità.

L'Andalusia in tre è ancora più bella!

Perdetevi poi nei mille vicoli della Juderia, il quartiere ebraico di Cordova…con le sue casette bianche, i cortili con i fiori è molto molto caratteristico e davvero piacevole per una passeggiata.

L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!

Una visita merita anche l’Alcázar de los Reyes Cristianos. Qui Cristoforo Colombo presentò alla regina Isabella e al re Ferdinando il suo progetto per la sua avventura verso le Americhe.

Terza tappa: Siviglia

L'Andalusia in tre è ancora più bella!

Bellissima, in ogni suo angolo.

Basterebbe solo passeggiare e godersi la città. Ad arricchire lo spettacolo, però, ci sono anche tante cose belle da vedere.

Iniziamo con la Cattedrale di Siviglia, così imponente da essere il secondo monumento cristiano dopo la Basilica di San Pietro; l’Alcazar, l’antica fortezza araba, affascinante con le sue decorazioni arabe e neoclassiche; la Giralda, emblema della città, la bellissima Plaza de Espana, il discusso Metropol Parasol, meglio conosciuto come Las Setas, un enorme parasole, l’opera in legno più grande del mondo, realizzata per riqualificare una zona della città, il quartiere di Triana, e molto altro.

L'Andalusia in tre è ancora più bella!
Alcazar
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
Plaza de Espana
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
Triana
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!
L'Andalusia in tre è ancora più bella!

Buon viaggio!

Dove mangiare:

Granada:

  • Casa Fernando 1961 (calle navas 28) : semplice, ma molto tipico! El jamon asado è una vera squisitezza.
  • Bodegas Castañeda (Calle Almireceros, 1-3): famosa e molto frequentata. Una garanzia. Bella l’atmosfera che si respira..e buone ovviamente le tapas!
  • Taberna del Beso (Cuesta de San Gregorio, s/n, 18010): si mangia marocchino. Hummus e tajine buonissimi. Se andate in estate cenate nel patio che è molto suggestivo.

Cordova:

  • Taberna Salinas (Calle Tundidores, 3), poco turistico e davvero buono. Assaggiate assolutamente il salmorejo, tipica specialità di Cordova e la coda di toro! Se volete anche il dolce, provate il cortadillo.

Siviglia

  • La Bernarda SlowBar (Calle Juan de Mata Carriazo) super!!
EnglishItalianSpanish