i viaggi di mamma e papà

Giappone – 2° tappa: trekking sul Monte Fuji

Finalmente si parte per il Monte Fuji: la scalata ci aspetta!!!

Da Tokyo prendiamo un bus diretto (dalla stazione di Shinjuku) che in due ore ci porta fino alla 5° stazione, quella da dove generalmente si parte.

Il tempo stimato è di circa 6 ore, noi ne impieghiamo 4 e mezza per raggiungere il nostro rifugio, il penultimo verso la cima, all’ottava stazione, a circa 3400 metri di altezza (la cima del Fuji è 3700).

La scalata è impegnativa, il percorso non sempre è facilissimo. La sua altezza è di  3.776 metri ed è la montagna più alta del Giappone!

Lungo la strada si incontrano i vari rifugi nei quali potrete comprare acqua e cibo, qualora ne aveste bisogno (ovviamente sono molto cari).

In cima fa freddissimo…una volta arrivati al rifugio vi daranno la cena e la colazione (vanno richieste al momento della prenotazione), e la notte si passa in camerate. Noi abbiamo scelto di pernottare nel  rifugio Tomoe Kan.

L’impresa non è delle più semplici, ma l’atmosfera di condivisione verso un obiettivo comune rende affascinate l’intera esperienza.

Ognuno per un motivo, ma tutti, lungo strada, per raggiungere la cima.

Simbolo del Paese, il Monte Fuji è considerato una montagna sacra. Questa sua riconosciuta sacralità impone che, almeno una volta nella vita, venga scalato.

La discesa è altrettanto faticosa…soprattutto per via del terreno lavico…sassoso. Noi ci abbiamo impiegato 2h e mezza.

E’ un’esperienza stupenda, che consigliamo assolutamente!

Il viaggio continua…

EnglishItalianSpanish