i nostri viaggi

Costiera Amalfitana a misura di bambini!

Costiera Amalfitana a misura di bambini!

Dopo tanti anni decido di tornare in Costiera, questa volta, però, con tutta la famiglia.

La vacanza, quindi, è stata pensata ed organizzata a misura di bambina.

La Costiera Amalfitana, con i suoi 50 km, è una delle località più suggestive ed affascinati di Italia. La SS163 che la percorre da Vietri sul Mare alla frazione Colli di Fontanelle (Piano di Sorrento) è un vero spettacolo. I paesi, uno più caratteristico dell’altro, lasciano solo l’imbarazzo della scelta; ognuno ricco di storia e di fascino garantisce, a modo suo, scenari unici.

Noi scegliamo Amalfi come base: bella, comoda, con tutti i collegamenti utili per raggiungere le altre località.

Visto che si tratta del ponte del 25 aprile, evitiamo la macchina e decidiamo di prendere il treno Roma-Salerno (l’auto una volta arrivati non ci sarebbe comunque servita a molto). Da Salerno raggiungiamo Amalfi con un traghetto (da aprile vengono attivate le tratte marittime, decisamente più comode dei bus). Per l’alloggio abbiamo scelto il b&b Sharon House, in una vietta del corso principale, a pochi passi dal Duomo, perfettamente posizionata. Comodissima con il passeggino, staff super disponibile.

Prima tappa: ATRANI

Costiera Amalfitana a misura di bambini!

Si raggiunge a piedi da Amalfi, 500 m, attraverso un comodissimo sottopassaggio.

Costiera Amalfitana a misura di bambini!
Costiera Amalfitana a misura di bambini!

Il borgo è piccolissimo, ma delizioso, conserva ancora le caratteristiche del tipico villaggio di pescatori. La piazzetta, infatti, che in passato serviva come area di sosta per le barche nei giorni di mareggiata, ha mantenuto tale impianto, aprendosi solo verso il mare e la piccola spiaggia sopra la quale è arroccato il paese. Essa rappresenta il centro vitale di Atrani; qui, in cima ad una scalinata, si trova la Chiesa di San Salvatore, testimonianza di un passato che ha visto più volte la storia di Atrani intrecciarsi con quella di Amalfi. All’interno della Chiesa, infatti, si svolgeva la tradizionale manifestazione di investitura alla quale si sottoponeva il doge della Repubblica.

La spiaggetta che sorge ai piedi del borgo è molto carina e decisamente meno affollata di quelle di Amalfi. Vale la pena farci un salto se ci si vuole rilassare. Qui, tra l’altro, c’è un ristorantino proprio sul mare, Le Arcate, dove abbiamo mangiato un piatto di spaghetti all’atranese che ci sono rimasti nel cuore…provare per credere!

Seconda tappa: POSITANO

Costiera Amalfitana a misura di bambini!

Chic, alla moda, super affollata, con la sua struttura verticale si presenta agli occhi dei turisti come una vera e propria cartolina.

Per arrivare da Amalfi prendiamo un traghetto che in meno di un’ora ci porta a destinazione.

Da premettere che con il passeggino non è la meta ideale, essendo tutta un sali e scendi; se ci si arma di buona volontà si riesce comunque a visitarla. Un marsupio potrebbe essere la soluzione migliore e decisamente più comoda.

Costiera Amalfitana a misura di bambini!
Costiera Amalfitana a misura di bambini!
Costiera Amalfitana a misura di bambini!

Il nome Positano sembra sia legato alla leggenda che narra di una barca turca rimasta bloccata in mare e con a bordo un quadro della Madonna. Pare che nel momento della disgrazia, il capitano dell’imbarcazione udì una voce suggerire “posa, posa!”. Il dipinto venne così gettato in mare e la nave liberata. Anni e anni dopo, si racconta che il quadro sia stato ritrovato proprio dove ora sorge la Chiesa. I positanesi sono convinti che Vergine abbia scelto Positano come sua dimora!

Avventuratevi nei vicoli e salite più in alto possibile per godere della bellissima vista del borgo arroccato sulla montagna, con le sue case color pastello, a picco sul mare. Da ogni dove, noterete, senz’altro, la bellissima cupola maiolicata della Collegiata di Santa Maria Assunta .

Costiera Amalfitana a misura di bambini!

Noi per mangiare abbiamo scelto di andare da Armandino a Praiano. Con neanche 10 km si arriva in una piccola baia, molto discreta e molto carina, dove mangerete un piatto di totani e patate squisito (è la specialità de ristorante, non potete non prenderla). Ero stata in questo ristorante con Valeria, ai tempi della nostra vacanza in Costiera che vi abbiamo raccontato ( https://viaggiandovaldi.wordpress.com/2011/09/07/costiera-amalfitana-ss-163-e-non-solo/ ). Il ricordo era così piacevole che ci sono voluta tornare anni dopo con tutta la famiglia .

Costiera Amalfitana a misura di bambini!
Ristorante Armandino – Praiano

Per raggiungere Praiano da Positano c’è la navetta interna (Unico Positano) che vi porterà direttamente a destinazione. Così facendo eviterete di prendere i bus locali della SITA, sicuramente più affollati. Con la navetta siamo andati benissimo, non abbiamo dovuto neanche chiudere il passeggino, che è salito, aperto, direttamente sul bus!

Terza tappa: RAVELLO

Costiera Amalfitana a misura di bambini!
Terrazza dell’Infinito – Villa Cimbrone – Ravello

Il PARADISO!

Bellissima, elegante, con un turismo molto più discreto e silenzioso rispetto alle altre località della Costiera, Ravello è la meta ideale per rigenerarsi, circondati dal Bello.

Villa Rufolo e Villa Cimbrone sono davvero una meraviglia. Perdersi tra i loro giardini ed ammirare l’orizzonte dalle terrazze mozzafiato, è assolutamente un’esperienza da fare.

Costiera Amalfitana a misura di bambini!
Villa Rufolo
Costiera Amalfitana a misura di bambini!
Villa Cimbrone
Costiera Amalfitana a misura di bambini!
Costiera Amalfitana a misura di bambini!

Ravello è la città della musica; ogni anno, nelle sere di estate, si svolge il Ravello Festival ( http://www.ravellofestival.com/ ), dedicato a Richard Wagner. Per l’occasione, Villa Rufolo diventa un teatro a cielo aperto.

Costiera Amalfitana a misura di bambini!

La città è tutta in piano, ideale per muoversi con il passeggino! La sua piazza, con il Duomo, è perfetta per far correre i nostri bimbi in totale libertà, essendo completamente pedonale, come, d’altronde, anche tutto il centro.

Per i più temerari, vi consigliamo di partire da Ravello e raggiungere a piedi Minori.

Molti vi sconsiglieranno la camminata con un bimbo piccolo piccolo, ma se vi organizzate con il marsupio e tanta buona volontà, a nostro avviso, potrebbe essere fattibile (la nostra bimba ha 1 anno e mezzo).

Certo se avete anche il passeggino, sappiate che ci sono molte molte scale da fare e pochi sono i tratti in piano. Il paesaggio e la vista, nonchè il relax del trekking valgono, però, sicuramente, la fatica. Se poi pensate che così facendo evitate di riprendere un bus fino ad Amalfi e poi il traghetto per Minori, il tutto è ancora di più giustificato!

Il tempo che ci si impiega è di circa un’ora; volendo si può fare anche al contrario Minori – Ravello ma sarebbe tutto in salita e quindi ancora più faticoso.

Rimanendo in tema di trekking, la Costiera ne offre diversi.

Costiera Amalfitana a misura di bambini!

In primis, il più noto, è il Sentiero degli Dei – fatto in passato con Valeria (vedi link sopra). Merita sicuramente, la vista su tutta la Costiera è davvero impagabile. Parte da Agerola (circa 15 km sopra Amalfi) ed arriva a Positano. La fattibilità è ovviamente a discrezione di ognuno di voi.

La Valle delle Ferriere: due ore di camminata, con partenza da Pontone (raggiungibile da Amalfi con gli autobus Sita al costo di 1,20€) ed arrivo nel centro di Amalfi (in prossimità del Museo della Carta). Il percorso attraversa una riserva naturale ricca di cascate e di una fitta vegetazione. Una sana camminata in mezzo alla natura!

Da Minori a Maiori e viceversa c’è anche il Sentiero dei Limoni. Questo era in programma, dopo quello Ravello – Minori, ma non abbiamo fatto in tempo. Leggendo i racconti, credo che, però, meriti di essere fatto, se non altro per la sua atmosfera, che rappresenta al meglio i sapori e gli odori del posto.

Tornado al nostro viaggio, arrivati a Minori, abbiamo giusto fatto in tempo a passare un po’ di tempo in spiaggia ed a fare un salto alla nota Pasticceria Sal di Riso, per rifocillarci dopo le fatiche del trekking.

Torneremo senz’altro per visitare la villa romana, la chiesa e quello che di altro c’è da visitare.

Ultima tappa: AMALFI

Inutile dire che il Duomo merita senz’altro di essere visto (dalle 17 l’ingresso è gratis). Non fermatevi però solo alla sua visita ma acquistate il ticket per la Basilica del Crocifisso, la Cripta di Sant’Andrea e il famoso Chiostro del Paradiso. Assolutamente da non perdere. Vi consigliamo di lasciare fuori il passeggino perchè per raggiungere Basilica e Cripta ci sono diverse scale da fare, oltre quelle per accedere al Duomo.

Costiera Amalfitana a misura di bambini!
Costiera Amalfitana a misura di bambini!

Amalfi è famosa per la carta, chiamata “Charta Bambagina” , molto preziosa perchè realizzata con con stracci di lino, canapa e cotone macerati. Essa veniva usata in passato per scritti importanti e di pregio….interessante potrebbe essere una vista al Museo della Carta.

Repubblica Marinara, tra le più note, Amalfi trasuda storia, cultura e bellezza. Perdetevi tra i suoi vicoli, assaporate i suoi profumi, curiosate in ogni angolo e sicuramente la apprezzerete come non mai!

Costiera Amalfitana a misura di bambini!
Fontana “de cape ‘e ciucci” 

Conclusione e bilancio del viaggio positivi. Certo un periodo più calmo, fuori dal caos dei ponti e delle vacanze di pasqua avrebbe senz’altro favorito una visita più tranquilla delle diverse località, ma, tutto sommato, dobbiamo ammettere che non siamo stati particolarmente penalizzati dalla tantissima gente presente (forse perchè avevamo orari diversi dagli altri, stando ai tempi di nostra figlia, decisamente mattutina!). In ogni caso, tenendo da conto la presenza di una bimba, secondo noi andare in Costiera in primavera o in autunno, escludendo l’estate, è sicuramente più comodo. Le spiagge sono piccole ed il sole si nasconde dietro la montagna già dalle quattro del pomeriggio e non sempre c’è la sabbia. Per un weekend lungo, però, è una meta perfetta!

Torneremo senz’altro per andare a mangiare un piatto di spaghetti con la colatura di alici a Cetara e per rifarci gli occhi con i mille colori della ceramica di Vietri sul Mare!

EnglishItalianSpanish